26 Ottobre 2018

Nata a Conegliano, appassionata di pallavolo fin da bambina, Chiara raggiunge fin da giovanissima grandi risultati a scuola e nello sport. A quattordici anni è tra i migliori prospetti del volley italiano, quando trascina la sua squadra alle finali nazionali di categoria e vince il premio di miglior giocatrice del torneo. Dopo uno stage in Nazionale la strada verso il professionismo sembra segnata, ma fra lei e il sogno di giocare in nazionale si intromette un incontro che le cambierà la vita, quello con la diagnosi di insufficienza renale cronica IRC) e la dialisi. A 18 anni, poco prima della maturità, il primo trapianto di rene; una seconda operazione prima di un altro episodio importante della sua vita: perché nonostante la malattia la vita di Chiara continua in modo non normale, ma straordinario. Oggi chiara è testimonial per l’AIDO (Associazione Italiana per la Donazione di Organi) nelle campagne di sensibilizzazione nelle scuole e sta lavorando per realizzare un cortometraggio sul tema della malattia renale.